Comitato scientifico Quaderni FMV Corporate Family Responsibility

Vittorio Coda

Professore emerito dell’Università Bocconi, dove ha insegnato Strategia e politica aziendale e ha ricoperto incarichi istituzionali, fra cui quelli di presidente della Scuola di Direzione Aziendale e direttore del Dipartimento di Economia Aziendale. In precedenza ha insegnato nelle Università di Urbino (sede distaccata di Ancona) e Ca’ Foscari di Venezia. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche, fra cui La valutazione della formula imprenditoriale (1984), L’orientamento strategico dell’impresa (1988), Comunicazione e immagine nella strategia dell’impresa (1991), Il governo della dinamica della strategia (con E. Mollona) (2002), Entrepreneurial Values and Strategic Management – Essays in Management Theory (2010); Towards an Integrated Theory of Strategy (con M. Zollo e M. Minoja) (2017). Nel 1999 gli è stato conferito il Premio Invernizzi per l’economia. È presidente del Comitato Scientifico dell’Istituto per i Valori d’Impresa (ISVI) dalla fondazione. All’attività di ricerca e di insegnamento ha affiancato la consulenza direzionale e incarichi presso società ed enti. I suoi attuali interessi vertono sui temi dell’imprenditorialità responsabile e innovativa, del buon governo delle organizzazioni, dello sviluppo sostenibile (di imprese e sistemi economici locali).

Isabella Crespi

Professoressa associata di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Macerata.
 Da ottobre 2013 è coordinatrice del Network europeo di ricerca RN13 Sociology of Families and Intimate lives dell’Associazione europea di Sociologia ed è stata riconfermata in tale ruolo per il biennio 2015/2017. 
Collabora da diversi anni con il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia dell’Università Cattolica (Milano) e con l’Osservatorio di genere di Macerata.
I suoi interessi di studio e di ricerca si concentrano su: i processi culturali e identitari nella società globale (nello specifico su identità, riconoscimento, multiculturalismo e comunicazione interculturale); le differenze di genere e identità (con una predilezione per il tema delle differenze sessuali e di gender nel dibattito italiano e internazionale e le questioni legate alla paternità e all’identità maschile); le relazioni familiari, i processi di socializzazione e le politiche sociali (con un focus su trasformazioni e mutamenti della famiglia nel contesto italiano ed europeo, rapporti tra le generazioni, ruoli familiari e politiche di conciliazione).
Tra le sue ultime pubblicazioni: nel 2017 con Moreno Minguez  A. ha pubblicato “Work and family cultures: Dynamics of family change in Southern Europe”, in Work–Family Dynamics Competing Logics of Regulation, Economy and Morals (a cura di Berit Brandth, Sigtona Halrynjo, Elin Kvande, Routledge, Londra) e nel 2016 con Elisabetta Ruspini ha curato Balancing Work and Family in a Changing Society. The Fathers’ Perspective (Palgrave MacMillan US, New York).

Lucio Fumagalli

È socio fondatore e presidente di 4Changing, società che opera nella consulenza strategica e organizzativa e nello sviluppo di start up innovative.
Presidente di BAICR Cultura della Relazione (agenzia formativa per la diffusione della conoscenza), Amministratore delegato di Human Ecosystems Relazioni-HER (start up innovativa per la conoscenza e l’arte digitale per città, territori ed ecosistemi relazionali), Presidente di S4b Solutions for Business (società di servizi amministrativi) e Consigliere di amministrazione di GreD (spin-off  del Politecnico di Milano per il disegno e la realizzazione di soluzioni basate su tecnologie geomatiche).
Collabora con l’Università di Roma Tor Vergata come docente di Comunicazione e Marketing in numerosi master e corsi di formazione per le professioni ed è coordinatore didattico del master in corso di attivazione in Internet of Humans and Things e del master in Ospitalità e Marketing dei Territori. Dal 2003 al 2013 è stato docente presso il dipartimento di Comunicazione dell’Università Sapienza di Roma.
È stato consigliere di amministrazione e dirigente del Policlinico Universitario Campus Biomedico e Senior Executive presso Accenture.

Giacomo Vigorelli

Consigliere del CDA di FMV, si occupa del coordinamento scientifico delle attività di ricerca.
Si laurea in Ingegneria Gestionale nel 2005 al Politecnico di Milano con un diploma speciale in Innovation management dell’Alta Scuola Politecnica.
Dopo alcune esperienze di lavoro in Svezia, Gran Bretagna e Italia, nel 2008 entra in Fiat, dividendosi tra Italia e Polonia. Tra il 2010 e il 2016 lavora in Boston Consulting Group, dove diviene Project leader maturando esperienze in Asia, Medio Oriente e Stati Uniti oltre che in Europa. Nel 2012 consegue un MBA all’INSEAD tra la Francia e Singapore. Dal 2017 lavora in Philips per il settore delle apparecchiature medicali, prima come Group Strategy Director ad Amsterdam, poi come Head of Strategy per il centro est Europa a Varsavia, e attualmente basato a Singapore come responsabile Commerciale e marketing per la parte Services Asean & Pacific. 
Ama viaggiare e conoscere nuove culture ed è appassionato di alpinismo, specie di arrampicata su roccia e ghiaccio.

Maria Novella Bugetti

Ricercatore di Diritto privato dell’Università degli Studi di Milano, abilitata per la seconda fascia dal 2012. Si occupa dello studio del diritto di famiglia, approfondendo temi quali la risoluzione non giudiziale del conflitto coniugale e la mediazione familiare, l’affidamento dei figli a seguito della crisi della coppia genitoriale, la filiazione e la tutela del minore nato da procreazione medicalmente assistita, l’accertamento dello stato di filiazione. Ha dedicato molteplici pubblicazioni alla protezione dei maggiorenni incapaci, tanto con riguardo alle misure di protezione giuridiche quanto al ruolo che la famiglia ha nell’assolvimento dei compiti di cura della persona. Tra le sue principali pubblicazioni, Nuovi strumenti di tutela dei soggetti deboli tra famiglia e società (Milano, 2008); Riflessioni sul ruolo della famiglia nella cura degli anziani (anche in riferimento ad un recente intervento del legislatore cinese) (in Fam. e dir., 2013, 1151-1160); La risoluzione extragiudiziale del conflitto coniugale (Milano, 2015, 1-222); La solidarietà tra genitori e figli e tra figli e genitori anziani (in Familia, 2017, 313-322).

Guglielmo Faldetta

È professore associato di Organizzazione aziendale e Gestione delle Risorse Umane presso la Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche dell’Università Kore di Enna. Ha pubblicato numerosi lavori attinenti l’area dell’organizzazione aziendale, con particolare riferimento ai temi delle relazioni interpersonali, delle relazioni di lavoro, dell’etica, della responsabilità sociale nelle aziende. Tra questi si ricordano Introduzione allo studio dell’azienda come rete di relazioni interpersonali (Giuffrè, 2005) e Corporate Family Responsibility e Work-life Balance (Franco Angeli, 2008). Le sue ricerche sono state pubblicate in numerose riviste nazionali e internazionali, tra cui Journal of Business Ethics, Journal of Managerial Psychology, Culture and Organization. È impegnato da anni in un percorso di ricerca sul dono nelle organizzazioni aziendali, che ha trovato manifestazione tra l’altro nei due volumi curati rispettivamente con Luigino Bruni (Il dono. Le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare, Di Girolamo, 2012) e Sergio Labate (Il dono. Valore di legame e valori umani. Un dialogo interdisciplinare, Di Girolamo, 2014).

Franca Maino

Dirige il Laboratorio Percorsi di secondo welfare presso il Centro di ricerca Luigi Einaudi di Torino ed è ricercatrice del Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università di Milano, dove insegna Politiche Sociali e del Lavoro e Social Innovation & Welfare Mix. È membro del Comitato di redazione di “Stato e Mercato” e della “Rivista Italiana di Politiche Pubbliche”. Fa parte del Comitato scientifico della Fondazione Welfare Ambrosiano (da gennaio 2014), del Comitato scientifico di AssoPrevidenza (da giugno 2014) e dell’Assemblea dei soci di Action Aid Italia (da marzo 2017). I suoi principali campi di ricerca sono il welfare state e la politica sociale comparata con particolare riferimento alle trasformazioni recenti dello stato sociale e al ruolo giocato da attori non pubblici. Altri ambiti di interesse riguardano il welfare aziendale e contrattuale, le politiche di conciliazione vita-lavoro, la politica sanitaria, e i processi di decentramento e regionalizzazione. Cura – insieme a Maurizio Ferrera – i Rapporti biennali sul secondo welfare in Italia. Ha curato con Giulia Mallone il Quaderno n. 21 di “Sviluppo&Organizzazione” dal titolo Dall’azienda al territorio. Le PMI incontrano il welfare (ESTE, 2015). Ha scritto con L. Bandera e C. Lodi Rizzini Povertà alimentare in Italia: le risposte del secondo welfare (Il Mulino, 2016). Nel 2017 ha curato Welfare aziendale tra dimensione organizzativa e cura della persona (Quaderni di Sviluppo&Organizzazione, n. 23, ESTE).

Annamaria Minetti

Sposata e madre di quattro figli.  Si laurea nel 1988 in Economia e Commercio all’Università di Torino e lavora da quasi trent’anni in FCA area Finance come controller. È iscritta a Federmanager e al gruppo delle donne manager Minerva. In particolare ha partecipato al percorso “Donne nei CDA – Women’s leadership”, come relatrice all’evento presso GAM di Torino organizzato da Federmanager Minerva. Insieme al marito è responsabile per Torino dell’organizzazione di corsi di “Orientamento Familiare” secondo la metodologia dell’IFFD (International Federation for family development). Negli ultimi anni ha particolarmente approfondito i temi legati al difficile equilibrio famiglia-lavoro, specialmente all’interno di un corso di perfezionamento universitario concluso con una tesi dal titolo Work/Family Balance: la conciliazione tra vita lavorativa, familiare e personale. Le disposizioni normative che favoriscono la conciliabilità degli impegni familiari e lavorativi per le madri: un confronto fra l’Italia e gli altri Paesi. Da febbraio 2018 fa parte del comitato scientifico del progetto “L’altra dimensione del management. Il valore aggiunto delle donne tra impresa famiglia e società”, portato avanti da Federmanager e dal Dicastero per i Laici famiglia e vita, con l’obiettivo di individuare strumenti operativi che possano essere applicati al mondo dell’impresa per favorire la conciliazione famiglia-lavoro.

 

Laura Tucci

Attualmente HR Manager e HR Business Partner presso un gruppo Multinazionale. I suoi studi e la sua attività sono sempre stati nell’ambito della Direzione del Personale, data la sua motivazione alla gestione delle Risorse Umane in azienda e alla valorizzazione del potenziale di ognuno. Ha collaborato con Business School e Università, occupandosi di formazione sul comportamento organizzativo e su specifiche tecnicalità, essendosi occupata delle diverse aree del Personale, dalla selezione alla formazione, dalla comunicazione allo sviluppo, dal Payroll all’amministrazione. Al centro di tutto il suo percorso professionale la centralità della persona, combinata con i risultati dell’azienda, nella profonda convinzione che da questo incontro nasca l’opportunità di evoluzione reciproca, come illustrato nel suo contributo La piramide del successo.

Simona Sandrini

Assegnista di ricerca, progettista pedagogica e referente scientifica dell’area mobilità sostenibile dell’Alta Scuola per l’Ambiente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, coordina il progetto d’interesse d’Ateneo CLIC-PLAN: CLIma in Cambiamento. Ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca in Pedagogia generale e sociale presso la Scuola di dottorato Agrisystem dell’Università Cattolica del Sacro Cuore con una ricerca dedicata al rapporto tra progettazione pedagogica e mobilità sostenibile. I suoi attuali interessi di ricerca riguardano gli ambiti della progettazione e del coordinamento pedagogico, con particolare riferimento alle comunità sostenibili. Tra le sue pubblicazioni: “Alternanza scuola lavoro università, periferie progettuali ed esistenziali, educabilità” (a cura di P. MALAVASI, D. SIMEONE, Scuola Lavoro Famiglia Università. Per un sistema formativo alleato e competente, Pensa Multimedia, Rovato-Lecce, 2017), “Sviluppo umano, mobilità sostenibile, legislazione” (a cura di C. BIRBES, Trame di sostenibilità. Pedagogia dell’ambiente, sviluppo umano, responsabilità sociale, Pensa Multimedia, Rovato-Lecce, 2017), “Formare ‘Smart Cities and Communities’” (a cura di I. BERETTA, L’umanesimo della smart city. Inclusione, innovazione, formazione, Pensa Multimedia, Rovato-Lecce 2014) e “BAUHAUS. Risorse umane, dare forma a qualità e professione” (a cura di A. VISCHI, Learning city, human grids, Pensa Multimedia, Rovato-Lecce 2014).

 

Autore